blog/NEWS

Autunno da scoprire: Triora

news

La Liguria è una regione allungata sul mare, in cui i caratteristici borghi si affacciano sulla costa carichi di storia, cultura e arte. Sono sempre più numerosi i viaggiatori che si addentrano nell'entroterra ligure, curiosi di scoprire una ricchezza che va molto oltre le spiagge e il mare e che li catapulta in una dimensione in cui leggenda e realtà si fondono in località uniche, visitabili in tutte le stagioni dell'anno. Anche l'autunno regala suggestioni uniche, dunque, a patto di saper assecondare il suo spirito, magari scegliendo di visitare un borgo arroccato, che conserva gelosamente il suo antico fascino, come Triora, il paese delle streghe. Bandiera arancione, Triora si trova a poco più di 30 km da Taggia e sorge a 800 metri di altezza. Questo bellissimo borgo medievale è tristemente noto per la caccia alle streghe, che tra il 1587 e il 1589 portò alla condanna a morte di sei donne; ma è molto più di questo, anche se gli abitanti del luogo hanno dedicato a questa vicenda congressi, mostre e libri. Originariamente circondata da sette porte di accesso alle mura, Triora conserva ancora due delle sue cinque fortezze e molti cimeli legati alla vita contadina, oltre ai documenti relativi al processo di stregoneria, tutti conservati nel Museo etnografico e della stregoneria che si trova all'inizio del paese. Altri luoghi di interesse sono la Collegiata dell'Assunta, l'Oratorio di San Giovanni Battista, i ruderi della chiesa di Santa Caterina d'Alessandria, costruita nel 1390 e i resti del Castello del XIII secolo. La leggenda vuole che presso la Cabotina un tempo si riunissero le bàgiue, ovvero le streghe, per lanciare i bambini in fasce alle streghe dei paesi limitrofi come se fossero dei palloni. La storia invece racconta che Triora fu popolata già a partire dal Neolitico medio - all'incirca tra il 3800 e il 3000 a.C. - e che Genova provò a sottometterla senza alcun successo, trovandosi costretta a comprare la città-fortezza, per potersi impossessare della ricchezza delle sue terre oltre che della sua posizione strategica.
Vale davvero la pena visitare questo borgo unico, che vive in modo diverso, inatteso e affascinante. Gli eventi vengono programmati secondo il calendario lunare, un tipo di calendario che precede quelli solari a cui siamo abituati, che testimonia il profondo rispetto che la comunità ha tutt'ora per le sue tradizioni.

Per il tuo soggiorno a Triora e in Riviera, scopri le disponibilità di Albergo Giuan Arma di Taggia. Clicca qui
 

Taggia è uno de I Borghi più Belli d'Italia

news

​Secondo solo a quello di Genova, per importanza ed estensione, Taggia è uno dei centri storici più antichi della Liguria. Con il suo fascino ha conquistato anche l'associazione “I Borghi più Belli d'Italia” che lo ha riconosciuto come uno dei 279 borghi degni di nota e sicuramente di visita: l'associazione inserisce infatti tutti i piccoli centri storici certificati in una guida illustrata che consente ai visitatori di organizzare un viaggio in alcuni dei meravigliosi paesi di cui è disseminata l'Italia. Taggia fa compagnia ad altri 20 paesini liguri la cui bellezza viene riconosciuta a livello nazionale e apre le porte a numerose iniziative legate al turismo culturale: rievocazioni storiche, urban trail, family run, cortei, fuochi ed eventi enogastronimici si aggiungono alle feste popolari, come quella in onore di San Benedetto, e ai festeggiamenti storici che contribuiscono ad accrescere il valore e la salvaguardia della tradizione locale. Il fiume Tabia, che da il nome al centro storico, segna il confine di una terra che per secoli fu un punto cruciale per i commerci e la viabilità, diventando sede di numerosissimi insediamenti. Con la conquista dei territori della costa da parte dei Romani, il popolo fu costretto a rifugiarsi nell'entroterra, nei pressi del convento benedettino di un gruppo di monaci arrivati dal cuneese. Fu qui che nacque la Taggia medievale, grazie alla sapienza e alla dedizione dei monaci che favorirono la coltivazione dell’olivo e bonificarono le foreste. Il patrimonio culturale e artistico di quel periodo è quasi completamente sopravvissuto allo sterminio dei saraceni ed è ancora ben visibile in uno dei centri più suggestivi del Ponente Ligure.

La Classicissima dà il benvenuto alla primavera

news


Pietra miliare del ciclismo da più di un secolo, la Milano-Sanremo apre la stagione primaverile offrendo a tutti un'ottima occasione per trascorrere una giornata all'aria aperta. La più importante competizione ciclistica nel panorama nazionale parte ogni anno dalla fresca Lombardia per arrivare, in giornata, nella calda Liguria: quasi 300 km di pura passione che coinvolge ogni anno migliaia di sportivi. La storia di questa famosissima gara inizia nella Belle Époque e precisamente il 19 marzo 1907, giorno della festa di San Giuseppe. Disputata inizialmente la domenica, la Classicissima si svolge ogni anno nel sabato più vicino al 19 marzo radunando centinaia di appassionati che si distribuiscono lungo la via Aurelia negli spazi dedicati al pubblico. Dal 2008 per tutti gli amanti dello sport e dell'attività all'aria aperta, c'è anche l'opportunità di raggiungere i punti più interessanti in cui incrociare la corsa, in bicicletta o a piedi, sfruttando la pista ciclabile più lunga d'Europa: da San Lorenzo al Mare ad Ospedaletti, passando per Arma di Taggia e per Sanremo, 24 km di percorso pedonale e ciclabile consentono a tutti di raggiungere agevolmente i punti salienti della Milano-Sanremo proprio nel suo tratto più suggestivo ma sopratutto di godere di un panorama mozzafiato pedalando o passeggiando con una vista mare impagabile.
Scopri la disponibilità di Albergo Giuan Arma di Taggia per il periodo della Milano-Sanremo. Clicca qui

news

BLOG/NEWS
foto

Autunno da scoprire: Triora

foto

Taggia è uno de I Borghi più Belli d'Italia

foto

La Classicissima dà il benvenuto alla primavera

Newsletter

Restons en contact! Laissez votre mail, cliquez ici pour recevoir notre newsletter périodique.